Il sito di informazione, cronaca e cultura di San Colombano, Bassa lodigiana e Pa


Medicina personalizzata: il futuro arriva con un progetto europeo da 7 milioni di euro

Nuove informazioni per ottenere una medicina sempre pi¨ predittiva e personalizzata. ╚ lo scopo di HERVCOV, il progetto di ricerca che riunisce ricercatori di 5 diversi Paesi dell’UE, tra cui l’UniversitÓ degli Studi di Roma “Tor Vergata”, e ha come oggetto di studio una proteina scoperta nelle infezioni gravi di COVID-19.


IL PROGETTO

La ricerca Ŕ finanziata dalla Commissione Europea con quasi 7 milioni di euro e coinvolge oltre all’Italia, enti di ricerca e aziende di Croazia, Francia, Grecia e Spagna.

Lo studio alla base di HERVCOV Ŕ incentrato sulla proteina HERV-W-ENV, una molecola attivata durante l'infezione da SARS-CoV-2, presente a livelli elevati nel sangue di pazienti gravi di COVID-19 ed associata ai disturbi chiamati “Long-COVID”.

La proteina HERV-W-ENV deriva da sequenze di retrovirus endogeni umani (Human Endogenous RetroVirus - HERV) originate da infezioni avvenute nell’uomo milioni di anni fa e che attualmente costituiscono l’8% del genoma umano. Sebbene la maggior parte delle sequenze degli HERV sia stata silenziata da meccanismi evolutivi, alcune copie possono essere attivate da stimoli diversi, come le infezioni virali, e produrre proteine retrovirali patogene tra cui HERV-W ENV.

Questa proteina Ŕ nota per contribuire all'insorgenza e alla progressione di diverse malattie infiammatorie e neurologiche, e durante la pandemia di COVID-19 Ŕ stata osservata la sua attivazione nei pazienti affetti da SARS-CoV-2, in particolar modo in associazione alle forme gravi

IL CONTRIBUTO ITALIANO

Per l’UniversitÓ di Roma “Tor Vergata” lo studio sarÓ supervisionato dalla dott.ssa Claudia Matteucci, ricercatrice della Cattedra di Microbiologia e Microbiologia Clinica presso il Dipartimento di Medicina Sperimentale, e realizzato in collaborazione con il Policlinico Tor Vergata, in particolare con la prof.ssa Loredana Sarmati della Clinica di Malattie Infettive.

“Puntando sullo studio degli HERV nel contesto delle disfunzioni immunologiche, infiammatorie e delle diverse manifestazioni sintomatologiche associate alla malattia COVID-19, al Post e Long-COVID” afferma la dott.ssa Claudia Matteucci “il progetto HERVCOV ha come obiettivo l’identificazione dei fattori biologici alla base delle diverse risposte all’infezione da SARS-CoV-2 e lo sviluppo di nuovi approcci terapeutici personalizzati”.

Al fianco dell’UniversitÓ di “Tor Vergata” ci sarÓ l’Associazione Frascati Scienza, ideatrice di molti format per la divulgazione scientifica, che si occuperÓ di coordinare le azioni di comunicazione per tutti i Paesi coinvolti.

“Avere un’associazione che fa divulgazione ‘pop’ in un progetto di questo tipo, vuol dire dare un peso fondamentale non solo alla corretta diffusione dei risultati scientifici della ricerca, ma alla loro comprensione anche per i non esperti”, a dirlo Ŕ Matteo Martini, presidente dell’associazione. “La scienza oggi Ŕ notiziabile e spesso impatta sulle nostre vite, l'Europa - anche in connessione con l'infodemia a cui abbiamo assistito durante la pandemia - ha fortemente apprezzato questa nostra proposta riconoscendone il valore aggiunto in un progetto di ricerca”.

GLI OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dal 2019 sono state registrate pi¨ di 500 milioni di infezioni da SARS-CoV-2 che hanno causato oltre 6 milioni di morti nel mondo (fonte “Our World Data”, maggio 2022). Sebbene in questa fase della pandemia i sintomi pi¨ gravi sembrino essere attenuati, numerosi studi hanno dimostrato effetti a lungo termine nei pazienti guariti, che interessano il sistema nervoso, gastrointestinale, cardiocircolatorio e persino la salute mentale.

il progetto HERVCOV potrebbe offrire importanti informazioni su altre malattie studiando le risposte dell'ospite in diversi contesti. Grazie a questi studi, nel prossimo futuro si potrÓ garantire una maggiore conoscenza dei fattori di rischio, dell'interpretazione dei sintomi, della progressione di diverse malattie e degli esiti clinici in relazione alle caratteristiche della persona, con risvolti nell’ambito del sistema sanitario. Questo porterÓ a una nuova consapevolezza nei confronti della propria salute e una revisione del rapporto col medico: anche il supporto medico decisionale sarÓ stabilito in base a studi personalizzati sul paziente.

L’identificazione di fattori critici e la relativa risposta immunologica del singolo individuo porterÓ inoltre a interventi terapeutici e piani vaccinali specifici.

I PARTNER

Il progetto HERVCOV, il cui titolo Ŕ “SARS-CoV-2-induced activation of pathogenic endogenous retrovirus envelope HERV-W: towards personalized treatment of COVID-19 patients”, Ŕ finanziato nell'ambito del bando HORIZON-HLTH-2021-DISEASE (Medicina personalizzata e malattie infettive: comprensione della risposta individuale ai virus) della Commissione Europea nell'ambito del Programma Quadro Horizon Europe.

Il progetto, coordinato dal Institut National de la SantÚ et de la Recherche MÚdicale (Francia), vede coinvolti oltre all’UniversitÓ di Roma Tor Vergata (UNITOV) per la ricerca, e l’Associazione Frascati Scienza (FS) per la parte di disseminazione, anche l’Ethniko Kai Kapodistriako Panepistimio Athinon (Grecia), l’Instituto AragonÚs de Ciencias de la Salud (Spagna), la Fundaciˇn Agencia Aragonesa para la Investigaciˇn y el Desarrollo (Spagna), il Geneuro Innovation Sas (Francia), l’Inserm Transfert (Francia), il Klinicki Bolnicki Centar Rijeka (Croazia).

 

This project has received funding from the European Union’s Horizon Europe research and innovation program under grant agreement No 101057302.